foto 2 11
foto 2 11

Primo giorno di scuola, momento importante nella vita di genitori e figli. Questa mattina alle nove in punto, genitori e bambini si sono ritrovati tutti insieme al primo appuntamento con la campanella.

Impossibile nascondere l’emozione che oggi era ‘stampata’ sui volti dei genitori e sui volti dei piccoli che sono arrivati a scuola tutti pronti con zainetti e quaderni. Una nuova avventura per loro.

All’istituto Giovanni XXIII, la dott. Raffaella Roma, ha accolto i bambini che hanno lasciato la scuola dell’infanzia per iniziare il ciclo delle scuole elementari. Mascotte d’eccezione nell’atrio della scuola, Minnie, Topolino e Pippo, insieme al loro aiuto, la direttrice ha proclamato ufficialmente il primo appello per le sette classi di prima elementare del plesso.

A portare il saluto dell’Amministrazione, il sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, che hai nostri microfoni ha detto: “E’ una giornata bellissima, ricca di emozioni, soprattutto nel vedere tante famiglie unite e gioiose nell’accompagnare i propri figli”. Il primo cittadino della Città Bianca sottolinea il duro lavoro che si apprestano a portare avanti dirigenti scolastici e insegnanti tutti: “L’impegno costante della responsabile di questo circolo, Raffaella Roma, troverà nella mia amministrazione disponibilità massima per valutare ogni aspetto del percorso formativo da dedicare a questi studenti”. È stato anche il momento di annunciare alcune delucidazioni che riguardano alcune opere della Città, come i lavori all’interno dell’ edificio “Pessina” che stanno per essere ultimati, come dichiarato dallo stesso sindaco. “La ristrutturazione di questo importante complesso va avanti in maniera spedita – ha detto il sindaco Coppola – siamo riusciti a trovare nuove risorse economiche per ultimare i lavori e restituire alla città il “Pessina” completo e ristrutturato in tutta la sua bellezza e storia. Con la dirigente scolastica dott. Maria Mingolla abbiamo già effettuato dei sopralluoghi e abbiamo costatato lo stato di avanzamento dei lavori”.