Efficienza produttiva e tutela ambientale: come aiutare le aziende a posizionarsi sul mercato

Efficienza produttiva e tutela ambientale come aiutare le aziende a posizionarsi sul mercato.doc
Volantino Spazio Conad Mesagne

Ogni azienda deve raggiungere un punto di equilibrio ben definito, soprattutto a livello economico e in special modo se desidera crescere. Per efficienza produttiva, non a caso, si fa riferimento al raggiungimento di un livello in cui i costi di produzione e il profitto sono perfettamente equilibrati. Si parla di una legge che in economia tutte le aziende di successo conoscono e applicano, in quanto necessaria per posizionarsi in modo ottimale sul mercato.

Come migliorare l’efficienza produttiva in azienda

Chi ha tempo non aspetti tempo: meglio evitare tutti quei passaggi addizionali che potrebbero causare uno spreco di minuti preziosi. Per fare un esempio concreto, ogni comunicazione che può essere comunicata a voce dovrebbe appunto essere trasmessa direttamente, senza passare dalle e-mail che sono dannose per l’ambiente. In secondo luogo, si consiglia di sfruttare al massimo i vantaggi proposti dai servizi online, come nel caso dell’home banking, e di potenziare la presenza sul web dell’azienda.

Canali come i social network e piattaforme come gli e-shop possono infatti aumentare in maniera significativa sia la brand awareness, sia il fatturato dell’azienda, oltre al suo grado di internazionalizzazione. Inoltre, è bene rifiutare tutti quei contratti che fanno perdere tempo e risorse, favorendo invece i contratti più smart e agili. Si suggerisce poi di informarsi sui programmi per l’automazione dei processi, di focalizzarsi sul core business esternalizzando gli altri compiti, e di ridurre al minimo indispensabile gli incontri (ovvero organizzare soltanto le riunioni e i brainstorming essenziali). In questo modo l’azienda potrà ottimizzare le risorse che ha a propria disposizione, economizzando e accelerando la propria crescita.

L’efficienza produttiva a braccetto con la tutela ambientale

Si può crescere senza per questo causare un danno al pianeta: anzi, la tutela ambientale può diventare a sua volta un volano per ottimizzare l’efficienza produttiva ed essere ancora più concorrenziali sul mercato. Oggi vi è una grande relazione tra competitività e tutela ambientale: non a caso l’efficienza energetica, aiuta a ridurre l’inquinamento e i costi, spingendo le aziende verso un posizionamento migliore sul proprio mercato di riferimento. D’altronde i vantaggi sono (letteralmente) alla luce del sole: grazie a sistemi come i pannelli fotovoltaici, si possono abbattere i costi in bolletta e nel mentre fare un favore alla terra che ci ospita. Ancora si consiglia di valutare fornitori con contratti di luce e gas pensate per le aziende oltre che per l’ambiente.

In secondo luogo, essere green è un benefit che i potenziali clienti percepiscono, e che potrebbe consentire all’azienda di superare i competitor poco attenti all’ambiente. Inoltre, andare incontro alla natura non vuol dire spendere molti soldi, dato che una serie di trucchetti costano poco ma generano dei benefici molto ampi, come nel caso dell’installazione delle luci LED. Da sottolineare anche il ruolo della domotica, che dà la possibilità di automatizzare certi processi in azienda, così da risparmiare tempo e denaro.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it