Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’ex consigliere Angelo Pomes

Continua la corsa contro il tempo per completare le procedure relative al dragaggio del Porto. Si conferma la sinergia tra Comune, ufficio Lavori Pubblici, e Regione, Commissione Bilancio. Obiettivo dare inizio ai lavori tra maggio e giugno e consegnare l’opera, pena la perdita del finanziamento, entro il 31.12.23.

Due le novità emerse durante l’odierna Commissione regionale. Da un lato la richiesta di Autorizzazione Ambientale inoltrata a dicembre dal Comune alla Regione con relativa documentazione integrativa che il Comune si è impegnato a fornire entro il 10 febbraio. Dall’altro la prossima erogazione di un contributo per progettare le opere marittime di messa in sicurezza, pari a 300mila euro qualora dovesse essere confermata la circostanza del Comune di Ostuni come unico comune richiedente.

L’obiettivo finale, completato il dragaggio e finanziata la progettazione delle opere di messa in sicurezza marittima, è ottenere il finanziamento per la realizzazione delle suddette opere di messa in sicurezza, per un importo pari a €3.200.000, necessari, come certificato dallo studio di fattibilità tecnico-economica predisposto dal Comune, alla messa insicurezza del molo di tramontana, da demolire e ricostruire, del molo di Levante e alla realizzazione della stazione per il rifornimento di carburante.

L’aggiornamento della Commissione per la verifica dei tempi è previsto per lunedì 12 febbraio. Continueremo a sollecitare Comune e Regione perché si realizzino tutte le opere necessarie alla riqualificazione ed alla piena funzionalità del Porto di Villanova,
circostanza attesa dai cittadini ostunesi da molti anni.