Al via Sherocco, il festival arcobaleno della Città Bianca

Presentazione Sherocco
Volantino Spazio Conad Mesagne

La comunità arcobaleno si ritroverà ad Ostuni per la prima edizione del festival “Sherocco”.

La comunità arcobaleno si ritroverà ad Ostuni per la prima edizione del festival “Sherocco”, dedicato alla memoria di Cloe Bianco, una professoressa e donna trans con un passato di discriminazioni sul lavoro, Cloe si è uccisa nel bellunese qualche settimana fa. L’evento è stato presentato ieri in conferenza stampa nello splendido scenario dei “Giardini della Grata” a valle delle mura bianche di Ostuni, alla presenza di Francesca Vitucci, presidente dell’APS Fuori Luogo e tutti gli organizzatori del festival dell’APS Fuori Luogo, per la Regione Puglia ha partecipato Aldo Patruno, direttore Generale Dipartimento Turismo, Economia della Cultura, Valorizzazione del Territorio. Tra i presenti anche Francesca Romana Recchia Luciani e Josuè Prezioso che opereranno nell’Academy Sherocco ed Eleonora Magnifico per la parte Events di Sherocco Festival, che questa sera aprirà il festival con il suo live.

Dal 23 al 26 giugno, la Città Bianca dunque diventa una città “arcobaleno”, sono diverse le adesioni al festival che si svolgerà presso il teatro “La Luna nel Pozzo” di contrada Foragno nell’agro di Ostuni. Al festival parteciperanno tra gli altri, gli attesissimi Vladimir Luxsuria e Paul B. Preciado: “Siamo particolarmente orgogliosi ed orgogliose di colorare la Città di Ostuni – prosegue Francesca Vitucci – la coloreremo con i diritti delle persone omosessuali e transessuali, ma anche con la cultura e l’arte del pensiero che produciamo quotidianamente nonostante abbiamo poco spazio e poca visibilità. Il nostro patrimonio è molto ricco e vogliamo metterlo a disposizione di chiunque voglia fruirne, perché è un patrimonio sociale, perché se siamo liberi noi, siete liberi tutti”.

Soddisfatta di ritornare nella sua città natale anche la cantautrice Eleonora Magnifico: “Sono felice di tornare ad Ostuni con quella sono oggi e soprattutto con quella che ero ieri – afferma – ci tengo a sottolineare che non si nasce in corpi sbagliati, ma si nasce in corpi che si evolvono, come si evolve il pensiero e la nostra vita. Ostuni l’ho respirata tantissimo e continuo a respirarla ed è per questo che sono qui in questo festival per far conoscere la mia musica e la mia storia. Questo è un festival che parla di diritti, un progetto che per me è partito da Ostuni negli anni 90, quando abbiamo fatto le nostre prime battaglie in piazza, in una comunità piccola che è sempre stata aperta, ed è per questo che sono felice che “Sherocco” parta dalla Città Bianca e venga supportato anche dalla Regione Puglia”.

Sherocco racconterà da oggi ad Ostuni, le infinite sfumature della comunità LGBTQIA+ con un programma ricco di eventi: una Summer School alla prima esperienza in Italia, il tutto accompagnato da spettacoli, musica, teatro all’aperto, intrattenimento serale, mostre, laboratori e naturalmente incontri e dibattiti.

 

Continua a leggere su OstuniNotizie.it