Al via la rimozione della posidonia dal porto di Villanova

Rimozione Posidonia Porto Villanova
Volantino Spazio Conad Mesagne

Ha preso il via ieri mattina la pulizia dalla posidonia dallo specchio d’acqua del porticciolo di Villanova.

Dopo i diversi appelli giunti dalle parti politiche e dalle associazioni, l’azienda di smaltimento rifiuti della Città Bianca, ha dato il via ai lavori di rimozione della posidonia. L’ok è arrivato dalla commissione prefettizia che ha chiesto alla ditta di accelerare i lavori di pulizia, visto l’imminente arrivo delle festività pasquali, periodo in cui si avviano le attività turistico ricettive nella frazione marina di Villanova.

Problema che si potrebbe risolvere con il progetto presentato dalla commissione prefettizia al PNRR, l’obiettivo generale, attingendo ai fondi del CIS Costa Adriatica, è quello di riqualificare e valorizzare il porto turistico di Villanova, quale importante nodo del sistema regionale di portualità turistica, dotandolo di tutte le condizioni qualitative e infrastrutturali necessarie al pieno sviluppo delle sue potenzialità. Costo dell’intervento 7.500.000,00 di euro.

Tra gli interventi presentati, la commissione straordinaria ha inserito nei progetti la riqualificazione di Villanova e Diana Marina con la riorganizzazione dell’accessibilità urbana e il miglioramento delle connessioni pedonali e ciclabili, aumento della qualità degli spazi pubblici e di infrastrutturazione del verde già esistente, il potenziamento e la riqualificazione e diversificazione dei servizi e delle attrezzature e la valorizzazione delle risorse culturali e naturalistiche presenti. Costo dell’intervento 6.000.000 di euro.

Leggi anche  On. Palmisano (M5S): "Serve una risoluzione immediata per le tante problematiche di Villanova"

Uno dei progetti presentato al CIS, prevende delle iniziative legate anche alle nuove forme di turismo, come la mobilità lenta, infatti, obiettivo generale è di quello di portare a compimento la rete infrastrutturale della mobilità lenta nella marina di Ostuni realizzando, grazie alle connessioni tra porto turistico, stazione ferroviaria, fermate del Trasporto Pubblico Locale, aree di sosta e di scambio intermodale, centro urbano e insediamenti costieri, un sistema di mobilità multimodale che permetta la fruizione sostenibile del paesaggio della piana degli ulivi monumentali di Puglia e degli attrattori naturalistici e culturali presenti. Costo dell’intervento 3.500.000,00 euro.

Intanto nelle ultime ore le aziende e i cittadini residenti a Villanova, posso tirare un sospiro di sollievo, visto l’avvio dello svuotamento del porto dalla posidonia che rende invivibile e soprattutto irrespirabile l’aria nei pressi del porticciolo turistico, l’unico nodo adesso riguarda lo smaltimento della posidonia che negli ultimi anni veniva sparsa lungo la pista ciclabile che da Camerini porta a Costa Merlata.

 

Continua a leggere su OstuniNotizie.it