Pubblicità
Pubblicità

“Finanziamenti Regione Puglia relativi al Programma Dell’Abitare Sostenibile e Solidale per interventi di edilizia residenziale pubblica e sociale”.

Nella città di Ostuni, pur essendoci un considerevole patrimonio di edilizia privata, vi è anche tanta povera gente alla ricerca di una abitazione decente per poter alloggiare la propria famiglia.

Secondo la nostra Costituzione e le nostre leggi è compito delle Istituzioni Pubbliche cercare di favorire al massimo questi bisogni per venire incontro alle fasce di società economicamente più svantaggiate.

Per tale ragione il M24A “EQUITA’ TERRITORIALE” sede di Ostuni esprime il proprio rammarico contro la Amministrazione Comunale nell’aver letto la DETERMINA N°165 del 15/04/2021 del DIRIGENTE della sezione Politiche Abitative della Regione Puglia con la quale si approva la graduatoria delle città che si sono candidate a ricevere finanziamenti relativi all’Abitare Sostenibile per interventi di edilizia residenziale pubblica e sociale “. Con tali finanziamenti si sarebbero potuti realizzare interventi di nuove costruzioni, recupero e/o manutenzione straordinaria di immobili di edilizia residenziale pubblica, riqualificazione e opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

Come si vede tutti interventi che avrebbero potuto avere ricaduta utile e positiva nel nostro Comune. Al bando della Regione Puglia del dicembre 2019 si sono candidati 61 comuni, gran parte dei quali, secondo graduatoria regionale, potranno utilizzare i 18 milioni di euro di finanziamenti. Per il Comune di Ostuni, che non ha inteso partecipare a tale opportunità di finanziamento, si tratta di UN’ALTRA OCCASIONE PERSA, e noi come Movimento 24 Agosto “EQUITA’ TERRITORIALE” non possiamo non criticare.

Purtroppo questa Amministrazione Comunale in poco meno di due anni ha dimostrato non solo di mettere seriamente in cattiva luce l’immagine democratica della Città, ma anche di non saper cogliere le buone possibilità di finanziamenti, specialmente quando si tratta di andare incontro a chi ha più necessità.