Pubblicità
Pubblicità

Dispersione Scolastica, il Vice Sindaco ed Assessore alle Politiche Sociali Antonella Palmisano continua la sua battaglia per salvaguardare gli studenti.

L’assessore ai servizi sociali oltre che alla Pubblica istruzione Antonella Palmisano continua la battaglia contro la dispersione scolastica. Sono mesi che si monitorano le famiglie in difficoltà, quelle più fragili e numerose che hanno vissuto in modo più complicato l’adeguamento ad una scuola che ha messo a dura prova grandi e piccini.

Non sempre i genitori hanno la possibilità di occuparsi la mattina dei propri bimbi e gli aiuti dello stato non hanno tenuto conto che i genitori non sono tutti pubblici dipendenti che possono attivare lo smart working o chiedere il bonus baby sitter o che hanno i nonni a disposizione che possano farlo collegare alla dad con tanta semplicità.

Abbiamo famiglie che lottano ogni giorno per potersi “guadagnare la giornata”, un livello culturale che non consente di potersi “sostituire” alla scuola, e un’organizzazione familiare che non permette di vigilare attentamente sui propri figli che la mattina vengono lasciati da soli davanti ad un pc, oppure senza sapere cosa stiano facendo.

All’inizio della pandemia l’amministrazione ha cercato di venire incontro alla popolazione scolastica mettendo a disposizione fondi che permettessero l’acquisto di tablet e connessione internet per dotare tutte le famiglie degli strumenti idonei ai collegamenti ma si è continuato a vigilare perché nessuno rimanesse indietro in un periodo in cui le disuguaglianze potevano maggiormente acuirsi. Sono state invitate le scuole, in un’ottica di collaborazione a segnale situazioni di disagio e di mancata frequenza scolastica e i servizi sociali, sempre pronti ad intervenire, stanno provvedendo a sanare situazioni di difficoltà.

Ancora una volta si vuole dare voce e tendere una mano a chi non ha il coraggio di chiedere aiuto, l’intervento dei servizi sociali significa aiutare chi è’ in difficoltà ed aiutare a trovare una soluzione per il bene dei minori e della famiglia, sempre al centro delle nostre preoccupazioni. Alla luce di questi tempestivi interventi, ad oggi, alla fine di questo turbolento anno scolastico, grazie alla collaborazione fattiva con le istituzioni scolastiche la “lotta” alla dispersione scolastica ha portato ottimi risultati e ne porterà ancora degli altri perché non abbiamo intenzione di abbassare la guardia.