Ospedale di Ostuni
Pubblicità
Farmacia Matarrese Ostuni
Pubblicità
Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Ospedale di Ostuni, Amati: “È arrivato il momento di finanziare e completare l’ampliamento. Lunedì in Commissione”.

“Credo sia arrivato il tempo per finanziare e terminare l’ampliamento dell’ospedale di Ostuni. Dai finanziamenti per l’accordo stralcio sulle delibere Cipe 97 e 98 del 2008 a quello della delibera 51 del 2019, c’è solo da decidere e far presto. Già da lunedì la Commissione che presiedo sarà al lavoro anche per questo obiettivo”.

Lo dichiara il Presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione Fabiano Amati.

“È tutto nell’articolo 20 della legge 67 del 1988. Dalle ipotesi più semplici, cioè l’accordo stralcio da sottoscrivere al più presto per 246 milioni oppure i nuovi finanziamenti per 270 milioni, all’ipotesi con procedura molto più complessa, cioè i residui degli accordi di programma 2004 e 2007; in ogni caso mi pare che non ci sia più da indugiare sul completamento della nuova ala dell’ospedale di Ostuni.

Si tratta di un’innovazione strutturale di notevole importanza per il bacino epidemiologico Carovigno-Polignano a mare, perché in grado di sopperire ad esigenze acute di media-bassa complessità, che diversamente andrebbero a interferire con le attività tempo-dipendenti e di media-alta complessità degli ospedali di I e II livello.  Negli ultimi mesi ho dedicato particolare attenzione alla ristrutturazione di diversi reparti dell’ospedale di Ostuni, superando anche numerose incomprensioni, sentendomi spesso ripetere la domanda sul completamento dell’ampliamento.

Non ho mai dato riposte perché preferisco parlare quando c’è una minima possibilità di lavorare concretamente a un obiettivo, anche perché la storia amministrativa è costellata da dichiarazioni improvvisate.

Ora credo sia arrivato il tempo giusto per raggiungere l’obiettivo, così da terminare al più presto i lavori e dunque dislocare al meglio il pronto soccorso, il reparto di medicina e i numerosi ambulatori di cui il presidio di Ostuni ha bisogno”.

Pubblicità pescheria nautilus ostuni