Pubblicità
Pubblicità

Continua il mistero in merito a quanto sta accadendo da giorni sul litorale di Ostuni, ed in particolare nell’area della pista ciclabile da Gorgognolo a Costa Merlata.

Prima il posizionamento di alcuni blocchi di cemento, poi la rimozione completa e parziale degli stessi dissuasori in calcestruzzo. Al momento non è stato eseguito nessun provvedimento da parte dell’autorità giudiziaria di sequestro in nessuno dei due punti coinvolti.

C’è comunque un indagine in corso da parte della Polizia Locale di Ostuni, che dopo aver fatto una serie di sopralluoghi, sta cercando di ricostruire l’accaduto. Poche le certezze in una vicenda dai lati oscuri: né gli uffici del comune né la Capitaneria di Porto di Brindisi o la delegazione di Villanova hanno rilasciato autorizzazioni per il posizionamento di quei blocchi. Ed ovvio, così, che anche la movimentazione tramite grossi mezzi per spostare i blocchi di cemento delle ultime ore sia avvenuta in maniera del tutto irregolare, senza ottenere permessi.

Nella zona verso Gorgognolo i blocchi sarebbero del tutto scomparsi. Più a sud, a circa due chilometri in zona Costa Merlata sono stati accantonati su un lato. La pista ciclabile al momento è completamente libera e quindi fruibile per gli appassionati di corsa e bicicletta.