Il luogo del rinvenimento Antonio Andriola
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Confermata l’ipotesi di un malore per cause naturali.

E’ stata eseguita ieri pomeriggio nel cimitero di Ostuni, dal medico legale Antonio Carusi, l’autopsia sul corpo di Antonio Andriola, il 49enne di Ostuni deceduto pochi giorni fa nell’appartamento dell’anziano a cui prestava assistenza. Nella mattinata di ieri, la procura di Brindisi aveva affidato l’incarico al professionista.

Ieri dopo l’esame le prime verità sul decesso di Andriola. L’autopsia è andata avanti per ore, per chiarire ogni aspetto dell’accaduto. Confermata l’ipotesi di un malore per cause naturali. Nella stessa serata di ieri, poi, la salma di Antonio Andriola è stata riconsegnata alla famiglia. Questo pomeriggio alla 16 si svolgeranno i funerali a Villa Specchia.

Il decesso dell’uomo è avvenuto nel tardo pomeriggio di mercoledì. A ritrovare il corpo senza vita del 49enne la collega che si alternava con lui nell’assistenza al pensionato ostunese che abita in via Camassa, a poche decine di metri dal comando di Polizia Locale, ad Ostuni. Giunta nell’appartamento la donna ha scoperto il dramma, chiedendo subito l’intervento del 118. Gli stessi sanitari hanno potuto solo accertare la morte dell’uomo, segnalando l’accaduto alle forze dell’ordine.

Sul posto in pochi minuti è giunto anche personale della Polizia di Stato, tra cui gli agenti, coordinati dal commissario di Ostuni Andrea Toraldo, personale della Squadra Mobile e della Scientifica. Il 49enne non sarebbe riuscito a chiamare i soccorsi, perché avrebbe fin da subito perso i sensi, fino alla morte. Andriola è stato ritrovato in cucina privo di vita, con un piccolo taglio sotto il mento, forse a causa della caduta dopo essersi sentito male.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Anche le acquisizioni delle forze dell’ordine, tra cui diverse testimonianze, avrebbero sin da subito fatto emergere che la morte dell’uomo fosse avvenuta per cause naturali. Circostanze confermate anche nell’autopsia che si è svolta ieri, da parte del medico incaricato della Procura di Brindisi.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO...