Fabio Sgura
Fabio Sgura
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

«Il centro storico di Ostuni è invivibile, tra degrado, sporcizia e caos».

E’ questo l’amaro sfogo di Fabio Sgura, illustre medico di profilo internazionale, originario proprio della Città Bianca. Il professionista in questi giorni è in vacanza nella sua residenza del rione “Terra”.

Qui dove un tempo il bianco della calce luccicava anche sull’antica pavimentazione in chianche, oggi lo scenario sembra completamente diverso. «Una trasformazione continua in peggio rispetto al passato. Ed ogni anno la situazione si aggrava. Basta vedere alcuni fotogrammi di via Bixio Continelli- attacca Sgura – per rendersi conto di quello che avviene in un luogo che per anni ha conservato il suo patrimonio storico, tra raffinatezza ed eleganza. Oggi di quell’armonia non esiste più nulla. Un degrado continuo anche nell’arredo urbano».

Il riferimento del medico, che vive e lavora nel Policlinico di Modena dove è affermato dirigente medico cardiologo con diverse specializzazioni tra cui l’emodinamica, è anche allo stato in cui si trova la pavimentazione in uno dei tratti caratteristici del rione terra: un bianco ormai non più tendente al grigio ma al nero. «E’ stata mai pianificata una pulizia di queste chianche, con moderni macchinari? Come è possibile trovare tanta sporcizia tra rifiuti abbandonati in più vicoli? L’amministrazione pianifica e coordina degli interventi ? A me – riferisce il medico ostunese – sembra di no, visto quanto ho potuto constatare con i miei occhi in questi giorni».

Una situazione di difficoltà che soprattutto nel periodo estivo si amplifica, con il centro storico di Ostuni che non riesce sempre a garantire l’equilibrio di chi raggiunge la sua residenza estiva nel borgo antico cercando relax, ordine e pulizia, e chi invece frequenta locali della zona, non curante delle esigenze del territorio, tra sacchetti di rifiuti abbandonati, schiamazzi notturni fino a notte fonda. «Se a questo ci aggiungiamo il ritiro del vetro la domenica mattina alle 6, quando tutti nel periodo estivo cercano riposo- continua Fabio Sgura – ben chiariamo il caos che regna nel centro storico di Ostuni.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne

Ma davvero non si riesce a comprendere che anche quello è un disservizio, se si vuole offrire un’immagine diversa di questo borgo anche ai turisti?. E poi la scusa dell’affluenza massima non è più contemplabile». L’affermato professionista fa alcuni esempi di realtà a forte vocazione turistica che riuscirebbero a preservare la bellezza dei propri centri storici, nonostante le alte presenze. «Senza volerci spingere a Capri, Positano, Portofino, che hanno la stessa spiccata attitudine come Ostuni ad essere tra le mete turistiche ambite a livello internazionale, basta farsi un giro a Locorotondo e Cisternino, per capire come puntare su la cultura del “bello”, non sia una missione impossibile.

Ed anche quelli sono borghi molto affollati. Nella Città Bianca, invece, non si vede un fiore nei balconi. Vicoli spesso lasciati e abbandonati al proprio destino, magari con la spiccata e voluminosa presenza degli infissi in anticorodal: ma i controlli dove sono ?. Auspico davvero- conclude Fabio Sgura – una completa inversione di tendenza per preservare quella che un tempo fu la bellezza del centro storico di Ostuni, di cui oggi purtroppo ne è rimasta ben poco».

POTRESTI ESSERTI PERSO...