Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Si è spento questa mattina il senatore Pino Specchia.

Giuseppe, Pino Specchia (Roma, 30 gennaio 1943) è un stato un politico italiano, senatore dal 1987 al 2006 di Alleanza Nazionale. È stato Questore del Senato dal 21 aprile 1994 all’8 maggio 1996.

Incarichi e uffici ricoperti nella Legislatura:

Gruppo Alleanza Nazionale: Membro dal 30 maggio 2001 al 27 aprile 2006

13ª Commissione permanente (Territorio, ambiente, beni ambientali):
Membro dal 22 giugno 2001 al 27 aprile 2006

Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse: Membro dall’8 febbraio 2002 al 27 aprile 2006

Commissione contenziosa: Membro dal 5 luglio 2005 al 5 luglio 2005. Presidente dal 6 luglio 2005 al 27 aprile 2006.

Scomparsa sen.Pino Specchia, il messaggio di cordoglio dell’on.Gemmato:”Galantuomo di destra”
“Mi raggiunge la notizia della morte del senatore ostunese Pino Specchia, eletto in maniera plebiscitaria per cinque volte a Palazzo Madama, autentico protagonista della destra pugliese ed italiana del dopoguerra.
La memoria corre indietro ai miei primi passi in politica con il compianto sen. Nino Giangregorio, a quella generazione di politici e galantuomini della destra di governo pugliese che ha segnato la mia formazione e ha generato la mia passione politica.
Ritiratosi a vita privata non ha fatto mai mancare i suoi consigli ed il suo sostegno.
Lo ricordo con affetto ed orgoglio all’inaugurazione della mia prima campagna elettorale alla Camera ad Ostuni.
Un gigante, ciao Pino.
Le mie condoglianze e del partito tutto al nostro Giorgio Specchia ed alla famiglia tutta.”
Lo scrive su Facebook il deputato pugliese di Fratelli d’Italia, Marcello Gemmato.
Ecco le parole del presidente del consiglio comunale di Ostuni avv. Giovanni Zaccaria
“Caro Senatore, con la Tua scomparsa non è in lutto solo la tua famiglia, ma tutta la politica. In verità, non ho mai accettato il Pino Specchia ammalato, e questo mio limite me lo porterò dietro. Mi seguira’ il cruccio di non averti mai fatto visita dopo la malattia. Non ho mai accettato una figura diversa da quell’uomo forte e determinato che sei sempre stato. Noi giovanissimi studenti liceali iscritti al Fronte della Gioventu’, quasi scattavamo sull’attenti quando ci dicevano nella sezione del MSI che è arrivato il senatore. Di te Gianni Mastrangelo, nel suo libro dedicato a Pinuccio Tatarella, ha scritto che con la Tua elezione a parlamentare, la destra si divincolava dalle posizioni nobiliari per diventare più popolare.

D’altronde, Tu sei stato colui che ha lottato per la costruzione e la assegnazione degli alloggi popolari, colui che fino all’ultimo ha combattuto per i diritti delle famiglie cui, per decenni, era stato negato il diritto a regolarizzare la propria posizione di detentori assegnatari di alloggi dell’istituto case popolari. Sei stato forse l’unico politico che, nonostante cinque legislature e venti anni di presenza sugli scranni del senato, ha servito la politica senza servirsene per interessi personali. Molti ti tributeranno, come è giusto, onori e meriti; ricorderanno che, addirittura, sei stato questore di Palazzo Madama, componente dell’ufficio di presidenza, che ti sei impegnato per la tutela dell’ambiente e quant’altro.

Io voglio ricordarti perennemente con la sigaretta tra le dita delle mani piccole a dispetto della mole, ma pulite; sempre in giacca e cravatta, tranne la domenica, quando, in ossequio ad antica abitudine, facevi i giri tra le campagne e le masserie per acquistare e distribuire ai tuoi cari i prodotti della nostra terra, primo fra tutti il pane. Voglio ricordarti nella tua campagna elettorale del 1996 avversario di un altro mostro sacro della destra pugliese e italiana, l’avvocato Clementino Manco. Fu una battaglia a colpi di citazioni latine. In realtà di aneddoti e ricordi i Tuoi amici più grandi di me ne avranno da raccontare, perché, usando un Tuo intercalare, “diciamo così” non è che avessi un carattere semplice. Caro senatore, in vita, nonostante l’affetto e la stima che ci legava, non Ti ho mai dato del Tu, adesso che non sei più tra noi, permettimi di dirti che sono orgoglioso di essere stato uno di quei giovani studenti che scattavano quasi sull’attenti al Tuo arrivo in sezione. Che la terra ti sia lieve”.

Vittorio Zizza ex sindaco e attuale consigliere comunale di Carovigno

“Ho conosciuto il Senatore Pino Specchia nella mia prima esperienza da Sindaco di Carovigno, di lui mi resta un grande ricordo, ho apprezzato la sua grande disponibilità all’ascolto ed alla risoluzione dei problemi. Ostuni, la provincia di Brindisi ed il centrodestra oggi sicuramente perdono un punto di riferimento politico importante. Che la terra ti sia lieve”.

Scomparsa del sen. Pino Specchia, Curto: “Pino uomo di partito, non di fazione”.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

La scomparsa del senatore Pino Specchia rattrista e commuove enormemente chi, come me, lo ha ben conosciuto, oltre che sotto il profilo politico e istituzionale, anche sotto l’aspetto umano, anche averci lavorato a stretto contatto di gomito dal 1994 al 2007 nelle Aule di Palazzo Madama.

Con lui, uomo di Partito e non di fazione, va via uno degli ultimi testimoni di una Politica che ormai non c’è più, ricca di passioni civili tanto intense quanto vere, da far divenire marginali le pur presenti contrapposizioni individuali.

Irriducibile difensore dei valori ambientali, per lui non negoziabili, nel Senato della Repubblica seppe distinguersi per la straordinaria mole di lavoro svolto e per la rigorosa coerenza.
Sono convinto che se una devastante malattia non lo avesse sottratto troppo presto agli amici e agli affetti, sarebbe stato l’unico capace di costringere la generazione politica successiva alla sua e a quella di Mimmo Mennitti a sedersi intorno ad un tavolo per non disperdere in mille rivoli la storia di una Destra, o quanto meno quella della Destra brindisina, ancora oggi idonea a rappresentare gran parte di pubblica opinione.

La morte del Sen. Pino Specchia – il cordoglio dell’on. Mauro D’attis (F.I.)

La notizia della morte di Pino Specchia mi rattrista non poco. Senatore per cinque legislature, è stato un sicuro punto di riferimento della politica di questo territorio ed ha fatto della coerenza la sua principale virtù, non avendo mai tradito i suoi ideali.
Persona mite ed allegra, Pino per tanti di noi è stato anche un esempio di impegno politico che ci ha aiutati a crescere e ad apprezzare l’importanza di rendersi utili per la propria terra.
Da tempo si era ritirato a vita privata, ma non ha mai smesso di seguire le vicende politiche ed amministrative della sua Ostuni e, più in generale, della provincia di Brindisi.
Ai suoi familiari giungano le mie più sentite condoglianze.

Scomparsa Senatore Specchia, il cordoglio dell’on. Raffaele Fitto

“Ho conosciuto Pino Specchia molti anni fa. Un politico serio ed attento al suo territorio, che amava profondamente, e che interpretava il ruolo politico come servizio alla sua gente, della quale rappresentava i veri bisogni. Per questo per ben cinque volte è stato eletto al Senato.

“Ci mancherà. Nel ricordarlo sono vicino alla famiglia”.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO...