Farmacia Matarrese Consegne a Domicilio Ostuni

Potrebbe, cosi’, essere giunto alla conclusione l’iter di valutazione da parte del ministero in merito alla richiesta di assoggettabilità del progetto a “Via” (valutazione d’impatto ambientale).

Porto di Villanova: atteso a giorni il possibile via libera da parte del Ministero dell’Ambiente al progetto privato di riqualificazione. Potrebbe, cosi’, essere giunto alla conclusione l’iter di valutazione da parte del ministero in merito alla richiesta di assoggettabilità del progetto a “Via” (valutazione d’impatto ambientale).

Da informazioni, che al momento non hanno ancora il crisma dell’ufficialità, questo procedura potrebbe non essere necessaria. Se fosse confermata questa tesi da parte degli uffici ministeriali, si accorcerebbero e non di poco, i tempi per concludere l’iter burocratico ed avviare il cantiere per la riqualificazione del porto di Villanova. Intanto gli uffici comunali, con il lavoro coordinato dall’assessore alle opere pubbliche Giuseppe Francioso, hanno completato la redazione del progetto per le opere di dragaggio, candidato per un finanziamento regionale di due milioni di euro. Un’istanza che segue la riqualificazione completa del porto.

Un’opera attesa da 30 anni nella maggiore frazione marina della Città Bianca, e che ha avuto un’improvvisa accelerazione nel dicembre del 2017, quando la regione Puglia, ha recuperato un vecchio bando dell’amministrazione comunale del 2009. Una piano d’investimento per la riqualificazione e gestione del porto, bloccato negli uffici regionali per anni, ricomparso nel passato recente, aprendo ad una lunga fase di interlocuzione tra il comune di Ostuni con l’allora assessore con delega al porto Luigi Nacci, l’unica Ati “Cr Costruzioni srl Fraver srl” rimasta in gara, rappresentata da Rocco Cavallo, e la stessa regione Puglia.

Avviato il primo bando con l’amministrazione di Ostuni guidata dal sindaco Domenico Tanzarella oltre 10 anni fa, recuperato con la giunta di Gianfranco Coppola, ora l’intera procedura è seguita dall’esecutivo del primo cittadino Guglilemo Cavallo. Da parte dei tre enti, regione comune e privati, intanto, nel corso di questi ultimi mesi è stata manifestata la volontà di andare avanti con la soluzione progettuale dell’imprenditore cegliese. Dopo i passaggi in Regione, con le conferenze dei servizi, ed il sì del consiglio comunale nel luglio 2019, ora l’attesa è per la pronuncia del Ministero dell’Ambiente.

Una decisione sulla necessità o meno di assoggettare il progetto a “Via”, che determinerà anche i tempi. Si tratta di uno degli ultimi passaggi prima che la conferenza dei servizi possa approvare il progetto esecutivo dell’opera, il cui investimento nelle previsioni è superiore agli 8 milioni di euro. Nei giorni scorsi c’è stato un nuovo incontro tra i rappresentanti del comune di Ostuni ed il soggetto privato interessato, al progetto completo di riqualificazione, l’imprenditore Rocco Cavallo con il proprio pool di tecnici.

Contestualmente l’amministrazione comunale segue la candidatura riproposta nei giorni scorsi per un finanziamento regionale di due milioni di euro per interventi di dragaggio del porto di Villanova. Tali operazioni risultano essere indispensabili per migliorare la sicurezza alla navigazione e all’ormeggio all’interno del bacino portuale in oggetto, oltre che per garantire l’accesso e la manovrabilità all’interno dello stesso anche da parte di imbarcazioni di medie dimensioni.Nei giorni scorsi gli uffici comunali hanno apportato le modifiche necessarie al progetto candidato, come richiesto dalla regione Puglia.