Il presidente della regione Puglia Michele Emiliano ha celebrato l’unione civile tra Titti De Simone e Francesca Vitucci.

Nel lungo pomeriggio trascorso ad Ostuni,ieri, il presidente della regione Puglia Michele Emiliano ha celebrato l’unione civile tra Titti De Simone e Francesca Vitucci. Nel cuore del centro storico della Città Bianca, all’interno del chiosco S. Francesco, il governatore, indossando la fascia tricolore, ha sancito il legame tra la sua consigliera personale in Regione, e la compagna.

Emozionatissime entrambi, con la commozione che ha contagiato gli oltre 100 ospiti, tra familiari ed amici che hanno voluto festeggiare, con loro, quella che in tanti hanno definito una “conquista” sacra. Un concetto che nel suo intervento iniziale ha voluto ribadire anche Michele Emiliano, rivolgendosi direttamente a Titti e Chicca, come in maniera familiare le ha voluto chiamare. «Era un momento che tutti noi aspettavamo da tempo. Finalmente ci siamo riusciti a farvi esprimere tutta la felicità di una gioia che voi avevate desiderato con grande forza. Avete trasformato questa vostra unione in una testimonianza incredibilmente solare. Avete trascinato con il vostro amore tanti noi, che sono diventate persone migliori seguendo il vostro esempio».

Il governatore Emiliano, prima di procedere al rito ufficiale, ha lasciato spazio ai messaggi di affetto, che amici, parenti e testimoni di nozze hanno dedicato alle due donne. Un richiamo al loro passato, ma anche alla loro unione, celebrata in una città, molto cara ad entrambe.

Chi non ha mai nascosto il suo amore per la Valle D’Itria, è proprio Titti De Simone, che da tempo aveva individuato una zona in campagna, tra Ostuni e Martina Franca, come sua prima residenza. Consigliere personale del governatore pugliese, giornalista, un passato anche da onorevole, ed anche ex assessore al comune di Bari, la professionista siciliana, ha scelto la Città Bianca, per coronare questa sua storia d’amore.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.