Nel giorno di Pasqua, gli esercenti del centro storico della Città Bianca si sono riuniti all’imbocco di via Cattedrale per manifestare il dissenso verso il mancato regolamento per l’occupazione degli spazi pubblici.

Protesta dei commercianti del centro storico di Ostuni. Nel giorno di Pasqua, gli esercenti del centro storico della Città Bianca si sono riuniti all’imbocco di via Cattedrale per manifestare il dissenso per l’occupazione degli spazi pubblici, regolamento ancora in via di definizione per l’attesa del parere da parte della soprintendenza di Taranto.

Gli esercenti hanno bloccato la via principale di accesso al centro storico per manifestare il loro dissenso, esponendo anche dei cartelli con su scritto: “Caro Turista, sono un commerciate di Ostuni, oggi troverai il mio negozio chiuso perché non ci viene data la possibilità di esporre la merce”.

Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia e gli agenti della Polizia Locale con il vice comandate Caterina Semerano che hanno riportato la ragione e la calma tra i negozianti che sono chiamati a non occupare il suolo pubblico, ma ad esporre solo a muro i loro prodotti. Hanno raggiunto anche via Cattedrale i candidati sindaco Domenico Tanzarella e Guglielmo Cavallo, che hanno raccolto il dissenso dei commercianti.

Si è verificato quello che avevo già detto in netto anticipo – ha sottolineato a OstuniNotizie.it Domenico Tanzarellasiamo nel giorno di Pasqua e non c’è una normativa che disciplina la fruizione di spazi pubblici all’esterno nella nostra città. Le responsabilità di tale situazione ricadono oggi sulla macchina amministrativa comunale e nel passato recente alla passata amministrazione, che non sono stati in grado di risolvere il problema ed assumersi le responsabilità affinché oggi i commercianti possano svolgere la loro normale attività regolarmente, si sono adagiati sulle indicazioni di un organo diverso dal Comune che esprime un parere ma non approva il piano. Mi auguro che questo problema si possa risolvere al più presto visto che ho ascoltato gente che ha tasse ed altri adempimenti da pagare”.

Dello stesso avviso anche il candidato sindaco del centrodestra Guglielmo Cavallo che ha richiesto l’intervento dei vigili urbani ed in particolar modo del vice comandante Caterina Semeraro, il candidato ha dichiarato: “Questa mattina ho raggiunto i commercianti del centro storico che per proteste avevano chiuso le loro attività. Ho manifestato vicinanza e contribuito in maniera concreta a chiarire i controversi aspetti legati al piano dell’occupazione del suolo pubblico. Mi sono premurato di chiedere l’intervento del vice Comandante della Polizia municipale. All’esito del chiarimento ottenuto, i negozianti hanno potuto esporre la merce e riprendere l’attività. Ripeto che in riferimento al “regolamento comunale per l’occupazione del suolo pubblico”, nell’attesa del parere della Soprintendenza e della fase di confronto con gli operatori, è necessario che siano autorizzate le occupazioni degli spazi con i medesimi criteri utilizzati fino all’anno scorso”.

Anche il candidato del Partito Democratico Angelo Pomes è intervenuto sull’argomento: “Questo momento di incertezza e di difficoltà per gli esercenti del centro storico richiede uno sforzo comune di tutta la politica. Le passerelle da campagna elettorale non servono a nulla, possono addirittura essere controproducenti, soprattutto se tali iniziative sono promosse da chi con la propria inerzia e l’assenza di una visione complessiva ha contribuito a generare questa precaria situazione.

Oggi è il momento di trovare soluzioni condivise con cittadini, commercianti ed organismi preposti al rilascio di autorizzazioni e pareri. Bisogna garantire agli esercenti, nel rispetto delle regole, di ritrovare la serenità necessaria per affrontare la stagione estiva ormai alle porte“.

Intanto questa mattina in Piazza della Libertà e nelle zone limitrofe, gli esercenti hanno occupato abusivamente lo spazio esterno alle loro attività mettendo tavoli e sedie in attesa che il regolamento dell’occupazione suolo pubblico entri in vigore. Gli agenti della Polizia Locale sono intervenuti ed hanno verbalizzato a tutti coloro i quali hanno occupato lo spazio pubblico abusivamente, la sanzione ammonta a 400euro.

Nei prossimi giorni incontreremo anche i responsabili del comitato per la tutela del centro storico di Ostuni per affrontare anche con loro il problema legato alla vivibilità dello stesso.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.