Piazza WiFi Italia
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Il progetto Piazza WiFi Italia mira a realizzare aree wifi in tutti i 7917 comuni italiani e a promuovere l’inclusione sociale, facendo in modo che anche le zone periferiche delle grandi città possano beneficiare di una connessione gratuita

Al via il progetto Piazza WiFi Italia, ideato dal ministero dello Sviluppo Economico per fare in modo che tutta la popolazione possa connettersi gratuitamente a una rete wifi che coprirà tutt’Italia. Per accedere alla connessione wireless libera sarà necessario utilizzare un’applicazione dedicata, in grado di segnalare e di connettersi quando si trova nei pressi di un hotspot convenzionato.
Dal 26 febbraio 2019, registrandosi alla piattaforma, dal sito wifi.italia.it, tutti i Comuni italiani possono richiedere l’installazione di punti wifi.

Rivisitazione del Free Italia Wifi
Si tratta di una rivisitazione del Free Italia Wifi, un progetto lanciato il 9 settembre 2011 da Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma, che come Piazza WiFi Italia aveva come obiettivo quello di diffondere una rete wifi gratuita nazionale.
Il nuovo progetto vanta un finanziamento di 45 milioni di euro, sensibilmente superiore rispetto agli 8 milioni stanziati precedentemente, e mira a realizzare aree wifi gratuite in tutti i 7917 comuni italiani. Hanno la precedenza i 138 paesi colpiti dal terremoto nel 2016 in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria e i 3407 comuni abitati da meno di 200 persone.
Piazza WiFi Italia, infatti, mira a promuovere l’inclusione sociale, facendo in modo che anche le zone periferiche delle grandi città possano beneficiare di una connessione gratuita in grado di rafforzare il collegamento con le metropoli.

WiFi4EU, il progetto varato dalla Commissione Europea
Parallelamente al Piazza WiFi Italia è in corso il WiFi4EU, un progetto varato dalla Commissione Europea a fine 2018 che ha come obiettivo quello di realizzare un’unica rete wifi che copra tutto il territorio europeo. WiFi4EU vanta un finanziamento di 120 milioni di euro, da utilizzare entro il 2020.
I 2800 comuni, selezionati dal primo bando da 42 milioni di euro, hanno già ricevuto il voucher da 15mila euro necessario per l’installazione degli hotspot.
Come riporta l’Agi, le reti dei due progetti, Piazza WiFi Italia e WiFi4EU, potranno in futuro diventare un’unica rete.