Una situazione che aveva creato non poco allarme non solo tra le imprese della zona industriale, ma anche tra i residenti e coloro i quali quotidianamente operano nelle aziende.

Ripristinata l’illuminazione pubblica in via della Chimica, nella zona industriale di Ostuni. Dopo le reiterate richieste, anche pubbliche, da parte di alcuni imprenditori della Città bianca e la richiesta del capogruppo in consiglio comunale di “Noi con l’ItaliaGiuseppe Francioso fatta pervenire al consorzio attraverso l’ufficio lavori pubblici del comune, il consorzio Asi ha provveduto a riparare i guasti, che da mesi, impedivano la normale fruizione delle luci, in una delle arterie principali dell’area.

Una situazione che aveva creato non poco allarme non solo tra le imprese della zona industriale, ma anche tra i residenti e coloro i quali quotidianamente operano nelle aziende. Di qui la necessità di rendere pubblico il disagio, che aveva ripercussioni anche per la circolazione stradale e per la sicurezza delle imprese.

Dopo le richieste giunte sia dal comune che dagli imprenditori il consorzio Asi ha prima eseguito un sopralluogo, per individuare quali fossero i problemi che impedissero il normale funzionamento in via della Chimica dell’impianto. Accertato il guasto nelle scorse ore l’azienda incaricata ha completato il lavoro, finalizzato a rendere completamente funzionale, almeno per quel che riguarda l’illuminazione pubblica, questa parte della zona industriale.

Un’area, in cui, però, restano alcune criticità strutturali, come il completamento della rete fognaria. Problematiche diverse che di recente avevano portato il presidente del Forum della società civile Enzo Cappetta a chiedere un intervento all’amministrazione comunale di Ostuni, nei confronti dell’ente gestore delle aree. «Va sollecitato il consorzio Asi di Brindisi ad intervenire nella zona Industriale per portare a termine le opere relative alla viabilità e all’arredo urbano (alberi, segnaletica)»