La rabbia per una situazione che si protrae da tempo. «Siamo al buio da sei mesi». Dalla zona industriale di Ostuni, i titolari delle aziende di via della Chimica rinnovano l’appello al consorzio Asi di Brindisi, ente gestore dell’area, ad intervenire per ripristinare un presunto guasto tecnico, che di fatto sta creando non pochi problemi di sicurezza e visibilità in questo tratto della maggiore area produttiva della Città bianca.

Sarebbero, infatti, almeno cinque i pali dell’illuminazione pubblica completamente fuori uso da diverse settimane. «In questi mesi abbiamo interpellato i vari enti interessati alla vicenda, affinché si potesse rimediare ad una problematica non di poco conto per le nostre aziende, ma anche per tutti coloro che frequentano via della Chimica. E’ una situazione che si protrae dall’inverno, purtroppo però siamo costretti a registrare l’assenza di soluzioni, fino a questo momento individuate». Ultima criticità che si unisce ad altre problematiche da tempo segnalate dai titolari delle imprese dell’intera zona industriale di Ostuni.

«Quello che vogliamo evitare -dichiarano alcuni imprenditori di via della Chimica- è entrare in polemica con i vari enti. Riteniamo però, che non può essere ammissibile assistere ad un mancato intervento su un problema, nonostante le tante sollecitazioni. Rinnoviamo l’appello a chi di competenza a verificare attraverso un sopralluogo, come fare per risolvere la questione».

Anche in passato, ed in più circostanze, i titolari delle imprese avevano rappresentato pubblicamente, la lunga serie di problematiche presenti nell’area. Un’assenza di opere strutturali, da aggiungere ad una mancanza anche di servizi, che rientrerebbero in quelle che gli operatori definiscono «necessità di prim’ordine» e riguardano «segnaletica errata, una illuminazione pubblica, assenza di marciapiedi, ed attendiamo da troppo tempo –indicavano gli imprenditori ostunesi- il completamento della rete fognaria».

Stesse considerazioni, che di recente avevano portato il presidente della società civile Enzo Cappetta a chiedere un intervento all’amministrazione comunale di Ostuni, nei confronti dell’ente gestore delle aree. «Va sollecitato il consorzio Asi di Brindisi ad intervenire nella zona Industriale per portare a termine le opere relative alla viabilità e all’arredo urbano (alberi, segnaletica)».

Il comune, sul fronte dell’illuminazione pubblica, nel primo tratto della zona industriale, nelle scorse settimane aveva ultimato gli interventi lungo la strada che conduce alla stazione, eliminando anche una situazione di precarietà dal punto di vista della sicurezza stradale per le aziende e per i fruitori dei servizi delle imprese che si trovano in quell’area.

POTRESTI ESSERTI PERSO: