divider
Annuncio Pubblicitario

Multe fino a 300 euro per chi sporca le aree verdi o chi arreca danni al decoro urbano. Il sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola ha emesso un’ordinanza per preservare tutte la aree adibite a verde pubblico e gli spazi, strade, piazze fruibili alla collettività.

Norme che varranno nell’intero territorio urbano. Nello specifico sono 15 i punti inseriti nell’ordinanza e riguardano aspetti della vita quotidiana a tutela del senso civico. Si parte dai proprietari di cani: chi intende frequentare le aree adibite a verde pubblico, tra le altre cose deve utilizzare sempre museruola ed il guinzaglio di misura non superiore a 1,50 mt, poi raccogliere gli escrementi del proprio animale, portando con sé strumenti idonei alla raccolta delle stesse.

La serie di divieti prevede inoltre di evitare comportamenti tali da arrecare disturbo, in qualsiasi modo, alla quiete delle persone che intendano beneficiare di giardini, parchi, villa comunale, piazze, compresi anche con lo schiamazzare e l’ ascolto di musica ad alto volume. Divieto inoltre per chi ha superato 14 anni di accedere nelle aree verdi con biciclette e sulle attrezzature ludiche destinate ai bambini.

Non sarà possibile inoltre lasciare rifiuti, se non di piccole dimensioni, da apporre negli appositi contenitori di cui sono dotate le aree verdi, le piazze e le strade. Il conferimento dei rifiuti dovrà avvenire con le modalità e la tempistica previste e disciplinate con regolamento comunale approvato dal consiglio comunale il 23 maggio 2003.

Chiunque trasgredisce la presente ordinanza è soggetto al pagamento di una somma da 100 fino a 300 euro a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria: i proventi delle multe saranno introitate dal comune. «Responsabile del procedimento sotteso all’adozione e all’emanazione della presente ordinanza è – si legge nell’atto del sindaco Coppola – il dirigente della Polizia Locale, Maurizio Nacci». Il controllo sull’osservanza delle disposizioni sarà affidato ai vigili urbani, oltre che a tutti gli organi di Polizia o di vigilanza previsti per legge e regolamento.

POTRESTI ESSERTI PERSO: