Dall’incontro in Prefettura non è stata trovata ancora ampia convergenza, con i contrasti che permangono sul sito finale dove deve essere allocato l’impianto.

Si è svolto questa mattina in Prefettura a Brindisi un vertice tecnico sul Pilone. Presenti il sindaco Gianfranco Coppola gli assessori Luigi Nacci e Francesco Palmisano, aderenti al comitato di salvaguardia della spiaggia del Pilone e rappresentanti del consorzio. In video conferenza delegati del ministero dell’Ambiente, della Regione Puglia e dell’ Acquedotto Pugliese. «In considerazione della divergenza delle posizioni delle parti ed al fine di ricercare una definizione condivisa dell’annosa problematica, previo costruttivo confronto, è stata compulsata – si leggeva nella nota di convocazione della Prefettura- l’attivazione di un tavolo tecnico di coordinamento attraverso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, anche in adesione alla risoluzione della 13^ Commissione Permanente del Senato – Territorio, Ambiente e Beni Ambientali del maggio 2017». Dall’incontro in Prefettura non è stata trovata ancora ampia convergenza, con i contrasti che permangono sul sito finale dove deve essere allocato l’impianto.

L’amministrazione comunale della Città Bianca ha manifestato contrarietà ai sito nei pressi di Torre S. Leonardo: il comune avrebbe individuato una terza area nei pressi di Lido Stella. Aqp al momento ha confermato di voler continuare a lavorare e non sospendere il cantiere aperto lo scorso 18 settembre. Acquedotto Pugliese, nei giorni scorsi, ha sempre parlato di un progetto e di un impianto di sollevamento, moderno e con tecnologia tale da scongiurare ogni pericolo ambientale, con l’interramento, che eliminerebbe anche qualsiasi problema olfattivo e visivo. Parere che non ha mai convinto il consorzio ed comitato di salvaguardia della spiaggia del Pilone. Residenti ed aderenti al movimento che hanno chiesto alla Regione di riaprire la conferenza dei servizi, in modo anche di poter valutare un progetto alternativo, con l’opera da realizzare in un’area distante dalla spiaggia di oltre 300 metri.

Visto il buon esito della video conferenza – ha dichiarato il consigliere provinciale Christian Continelli presente all’incontro –  bene hanno fatto il comitato per la salvaguardia e il consorzio del pilone nel continuare una battaglia che fino a ieri sembrava perduta, e invece oggi sembra riaprirsi. Attendiamo il prossimo incontro per meglio capire cosa accadrà”.

POTRESTI ESSERTI PERSO: