Il direttore generale dell’Asl di Brindisi sull’Ospedale di Ostuni sottolinea: “Reclutare pediatri non è una cosa semplice. Stiamo lavorando per fare le cose in modo serio rispettando le norme”

Il direttore generale dell’ Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone interviene sulla situazione dell’ospedale di Ostuni e sulle procedure per attivare gli otto posti letto di osservazione breve, tra pediatria e cardiologia «Reclutare pediatri non è una cosa semplice. Stiamo lavorando per fare le cose in modo serio rispettando le norme – specifica Pasqualone al Nuovo Quotidiano di Puglia- perché abbiamo avuto una disposizione della Regione non perché ci è stato chiesto dal comitato. Per poter attivare dei posti letto ci vuole il parere con l’accreditamento da parte della Regione, bisogna fare le procedure concorsuali di reclutamento del personale, e poi sono necessari i lavori per mettere in sicurezza gli utenti, gli operatori e tutta la struttura: non è una cosa che si fa dall’oggi al domani. Non possiamo dare tempi certi. Inoltre voglio sottolineare– precisa Pasqualone- che quello che veniva fatto in passato ad Ostuni era contro legge».

POTRESTI ESSERTI PERSO: