Pubblicità
Pubblicità

Si è concluso, nelle 4° e 5° classi delle due scuole primarie della città, il corso di educazione stradale attuato dal Comando di Polizia Municipale in base al progetto di educazione stradale nelle scuole elementari approvato dall’Amministrazione comunale nel giugno dell’anno scorso.

Il personale del corpo: agenti Maria Biancofiore, Cosima Colucci, Anna Vasta, Carla Zizza, Rosalba Nigro, Maria Teresa Bagordo, coordinate ed organizzate dal Vice comandante, Caterina Semerano, su base volontaria, ha portato avanti una serie di lezioni nelle classi dei due istituti primari della città, fuori dall’orario ordinario di servizio.

Un corso con nozioni di educazione stradale, di educazione alla legalità e al rispetto delle regole del vivere civile stigmatizzando agli alunni, gli atteggiamenti pericolosi nell’uso della strada che possono compromettere la sicurezza ed, in alcuni casi, anche la vita degli utenti della strada.

Le lezioni sono state caratterizzate da un alto profilo umano e professionale che gli Agenti hanno dimostrato nel sensibilizzare e stimolare nei ragazzi una coscienza civica alla prudenza ed alla sicurezza stradale, sia come pedoni, che come ciclisti e  passeggeri di autoveicoli, attraendo l’attenzione degli alunni sulla cultura del movimento più responsabile e consapevole,

Proprio questo rapporto con gli alunni, è valso attestazioni di apprezzamento dai dirigenti scolastici e dalle insegnanti dei due istituti primari della città nei riguardi del personale della Polizia municipale che ha tenuto i corsi.

Nelle classi si è subito creato un clima di partecipazione viva e interessata” spiega il dirigente scolastico della scuola primaria “Pessina” Maria Mingolla, “con una piacevole dimensione anche affettiva perché ogni mattina, compatibilmente ai turni di servizio, gli stessi alunni ritrovano nella veste ufficiale, quelle “amiche più grandi” che si preoccupano della loro incolumità nei pressi della scuola! Il coinvolgimento massimo e l’aspetto ludico pregnante nelle classi si è riscontrato quando gli alunni sono stati attivi nel dirigere, insieme alla vigilesse, il traffico in alcune zone di Ostuni durante la mattinata: l’entusiasmo era tangibile per questa nuova esperienza! Per noi operatori scolastici, oltre gli aspetti suddetti, è stato interessante offrire agli alunni spaccati di riflessioni sul valore del rispetto delle regole che disciplinano la comunità civile e sociale e vicinanza a figure professionali che, con il loro servizio, rendono tangibili concetti, altrimenti, lontani e teorici per gli alunni. Un grosso ringraziamento da parte mia e dei docenti  all’assessore prof. Francesco Prudentino per l’opportunità offerta agli alunni e al Comando di Polizia Municipale che, nei diversi ruoli , ha reso possibile il tutto”.

Il dirigente della scuola primaria “Giovanni XXIII”, dott. Raffaella Roma, ha esternato il proprio apprezzamento per il buon esito dei corsi di educazione stradale mentre l’insegnante referente del progetto, Caterina Strada, ha sottolineato che: “le vigilesse che hanno tenuto il corso hanno saputo, catalizzare l’attenzione degli alunni e, da brave insegnanti, con parole chiare e adeguate all’età dei bambini, hanno spiegato le norme basilari del Codice della Strada, i principali segnali stradali e il comportamento che un bambino deve osservare alla guida dell’unico veicolo a lui consentito di guidare: la bicicletta. Diversi alunni, a fine corso, sotto la guida di una delle vigilesse hanno fatto l’esperienza di dirigere il traffico veicolare in una strada centrale dell’abitato. Alunni, genitori e insegnanti sono stati entusiasti di questa esperienza e, data la sua buona riuscita, sperano che l’iniziativa venga riproposta nei prossimi anni scolastici.”

Come si ricorderà, il progetto è stato approvato nel giugno 2013, con deliberazione n. 151, da parte dell’Amministrazione col sindaco Tanzarella su proposta dal dirigente della Polizia Municipale, dott. Francesco Lutrino.

Comunicato Stampa Ufficio Stampa Comune di Ostuni