24.4 C
Ostuni
sabato 12 Giugno 2021
Home Blog Pagina 1074

Ostuni Città Nuova: Il centrosinistra che vogliamo deve essere ‘innovativo, popolare e partecipato’

Riceviamo e pubblichiamo
Il manager regionale Francesco Saponaro può essere il candidato sindaco di un rinnovato centrosinistra ostunese, capace di rispondere alle sfide di questi anni di crisi. La sua figura, sostenuta finora con coerenza dal Partito Democratico, ha raccolto il dichiarato consenso di un ampio arco di forze della società civile e politica locale: Ostuni Città Nuova, Ostuni Bene Comune, Ostuni Democratica, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà, Rifondazione Comunista. Altri gruppi politici e civici, inoltre, hanno manifestato grande attenzione per il candidato sindaco Saponaro.
Ostuni Città Nuova ribadisce che la discussione sul passato amministrativo è importante, sia per non disperderne gli aspetti e gli interventi positivi che per individuare con lucidità le notevoli criticità da affrontare e superare, ma sottolinea che a venire in primo piano in questa fase sono le scelte strategiche dei partiti e dei movimenti. Quella del maggio prossimo non sarà la replica di precedenti competizioni elettorali : sarà una partita democratica diversa, per la quale occorre predisporsi con un approccio innovativo. In presenza di un candidato sindaco esterno alle vicende degli ultimi due mandati, la discussione, profonda, deve ora incentrarsi sulla attuale difficile – e per molti cittadini dolorosa – situazione sociale ed economica ostunese. E’ a partire da questo esame di realtà – e non impiccandosi alla corda del passato – che, attraverso un percorso di partecipazione popolare, si può costruire una coalizione innovativa, efficiente e solidale, unificata da una visione di sviluppo umano della città e dalla scelta di assi strategici differenti da quelli sinora prevalenti. E’ del tutto evidente che il modello di sviluppo centrato sull’edilizia è esaurito e che lo stesso patrimonio edilizio accumulato rischia di diventare più un onere che un guadagno. Ostuni ha bisogno di un modello complesso che veda il turismo di qualità come motore permanente di uno sviluppo che richiede l’ingresso in reti nazionali ed internazionali, la riqualificazione, il restauro e la manutenzione dei beni diffusi sul territorio senza ulteriore consumo di suolo (fatte salve le necessità di infrastrutturazione al servizio dello sport, della cultura, di insediamenti produttivi compatibili), il riconoscimento del valore delle attività agricole, ambientali e culturali, il perseguimento di una condizione tendenziale di rifiuti zero, l’impegno per una città solidale, inclusiva e intelligente nei confronti della differente condizione dei cittadini ( persone con disabilità, bambini, anziani), l’attrazione di investimenti che consentano di moltiplicare le opportunità diffuse di lavoro e di mettere alla prova idee nuove e competenze sinora mortificate, in particolare di giovani e donne. In questi anni è stato troppo debole il rapporto di trasparente responsabilità verso i cittadini. Ecco allora qual è per noi l’approccio politico di fondo della alleanza di governo: far contare di più i cittadini, chi lavora o ha voglia di produrre, mantenere la barra dell’interesse generale, rendere le istituzioni partecipate, dare spazio vero ai corpi intermedi della società che rappresentano largamente l’interesse collettivo e i beni comuni. Il Partito Democratico prenda dunque atto delle nuove convergenze che la candidatura del manager Saponaro ha prodotto e si proceda al confronto programmatico e metodologico.
Per quanto ci riguarda, siamo ben consci di essere un movimento dai confini limitati e perciò lasciamo volentieri a forze prive di identità gli atteggiamenti boriosi e gli estremismi personalistici (col patetico richiamo a toni ed accenti immemori che il muro di Berlino è stato demolito nel lontano 1989). Auspichiamo un confronto appassionato ma razionale e ci impegnamo ad evitare forzature, velleitarismi e spinte meramente ideologiche. Valori forti e moderazione metodologica sono la nostra carta d’identità. Ostuni ha bisogno di una buona cittadinanza attiva, di una buona politica inclusiva e di un buon governo delle risorse, delle opportunità di lavoro e della bellezza che ci circonda.
Franco Colizzi
Presidente di Ostuni Città Nuova

Amministrative 2014. Il Movimento Liberal annuncia: ‘Pieno sostegno alla coalizione del sindaco Tanzarella’

Riceviamo e Pubblichiamo
E’ necessario che il Partito Democratico riveda la propria posizione ed abbandoni la tentazione di legarsi a quella sinistra autoreferenziale e velleitaria, vittima di una presunta superiorità morale ed intellettuale che, da sempre, le ha impedito di dare risposte concrete ai bisogni dei cittadini e che, purtroppo, da ultimo ha contagiato anche il candidato sindaco Saponaro, di fatto trasformandolo da possibile leader di coalizione ad antagonista rispetto ad un’esperienza amministrativa consolidata e largamente positiva.
Il percorso di crescita e sviluppo della Città di Ostuni, negli ultimi anni ed in specie in quelli a guida Tanzarella, è innegabile: seppur con delle criticità che sempre vi sono quando si opera, la nostra Città ha realizzato opere pubbliche di particolare rilievo (dal Museo, alla Casa della Musica, alla Piscina Comunale etc.), ha potenziato e sviluppato tematiche e contenitori ambientali (dal Parco di Agnano, al Parco delle Dune Costiere, alle piste ciclabili) di rilevanza nazionale, ha ottenuto tutti i riconoscimenti relativi, il tutto presentando un bilancio che ha un tetto di indebitamento per spese in conto capitale notevolmente inferiore a quanto consentito dalla legge.
Il discorso potrebbe allargarsi e comprendere la imposizione fiscale comunale (tra le più basse d’Italia), le politiche sociali, le politiche in favore delle donne (Sportello Ascolto Donna), quelle giovanili (Informagiovani, Incubatore di Impresa) e così via.
Da ultimo anche l’aspetto sul quale si registravano alcuni ritardi, la raccolta differenziata dei rifiuti, ha trovato soluzione con risultati in termini di percentuale di raccolta assolutamente soddisfacenti che hanno fatto rientrare il Comune di Ostuni, anche sotto questo aspetto, tra i Comuni virtuosi.
Di fronte a questi dati, pur nella consapevolezza che tutto è migliorabile, non è possibile non partire, nella costruzione della coalizione di centro-sinistra, da una piena condivisione ed apprezzamento, senza se e senza ma, per il lavoro ed i risultati raggiunti.
Ed a quella sinistra estremista, a cui ci auguriamo che il PD di Ostuni non voglia legare le proprie sorti, che continua a sbandierare (in maniera aprioristica e senza alcuna obiettività) la partecipazione dei cittadini, la c.d. cittadinanza attiva, quale presunto valore aggiunto del proprio modo di intendere la politica, vogliamo solo ricordare i numerosi incontri partecipativi con la Città sul tema della raccolta differenziata, dei lavori pubblici, delle tasse, organizzati dallo scrivente movimento e che hanno visto sempre la puntuale partecipazione dell’Amministrazione, degli Assessori e del Sindaco sempre pronti a dialogare ed confrontarsi con la Città.

Ing. Carlo Rodio – Segretario Liberal Ostuni

 

Amministrative 2014, Sinistra Ecologia e Libertà: Pieno appoggio al candidato sindaco Francesco Saponaro

Ostuni alto
Ostuni alto

Riceviamo e Pubblichiamo

Sinistra Ecologia Libertà di Ostuni, già nell’incontro del 28 novembre u.s. ha deliberato all’unanimità il sostegno di SEL alla candidatura di Francesco Saponaro quale candidato sindaco di ostuni. Abbiamo osservato un rigoroso silenzio in questa fase perché non interessati ai destini di qualche persona, avendo come unico interesse il destino di Ostuni.

Siamo dispiaciuti che Domenico Tanzarella, dopo aver indicato Francesco Saponaro come candidato ci abbia repentinamente ripensato e si avvii a vivere un’altra situazione poco fruttifera, come lo è stata la sua voglia di candidatura al parlamento nazionale. È un peccato perché avrebbe potuto prendere i suoi 17 anni spesi nell’amministrazione di ostuni e metterli a disposizione, con tutte le cose fatte, della cittadinanza per un nuovo incarico istituzionale, non necessariamente eleggibile, ricavandone benefici per se e la sua coalizione. Ma è evidente che vuole fare pesare la sua capacità di raccogliere voti (non consensi) per imprimere una sua idea dell’amministrazione della città di ostuni ed assicurarsi ancora un ruolo di primo piano nelle scelte amministrative.

A noi interessa il bene di Ostuni e riteniamo Francesco Saponaro l’uomo giusto per avviare un processo di rilancio delle nostre risorse e potenzialità.

Uomo di grande esperienza politico amministrativa, oltre che dirigenziale in settori strategici della vita pubblica, riteniamo possa essere capace di poter utilizzare tutti i fondi europei e regionali per incentivare investimenti sul nostro territorio volti al recupero della bellezza, dell’equità sociale, della trasparenza, del rilancio della nostra economia, del turismo, dell’agricoltura.

La candidatura di Saponaro dà una connotazione chiara di centrosinistra alla coalizione che lo sostiene: per la sua storia, è molto lontano dalle coalizioni che fino ad oggi hanno amministrato la nostra città. Per poter raggiungere il massimo risultato, nelle scorse elezioni, si sono sommate forze di incerta collocazione politica che hanno snaturato l’identità dell’amministrazione. Nelle ultime politiche, con la maggioranza in sella, il centrodestra ha ottenuto risultati maggiori del centrosinistra. Cosa che fa pensare che le forze al governo della città hanno indirizzato i propri consensi verso destra, pur essendo in un’amministrazione di centrosinistra.

Se alle prossime elezioni amministrative il centrosinistra andrà separato, si potrà fare chiarezza sulla collocazione delle forze elettorali. Si potrà costruire una coalizione di centrosinistra contrapposta ad una di destra ed ad una, facente capo al sindaco uscente, di incerta natura, visto l’etereogeneità delle forze che la compongono.

Noi riteniamo fondamentali alcuni punti programmatici che rivendicheremo con forza nel programma elettorale della coalizione: il rilancio del turismo, dell’economia agricola,con incentivi alle aziende giovanili, l’incentivazione per i  coltivatori degli ulivi millenari, custodi della bellezza che nessuno risarcisce per la loro opera, la creazione di collegamenti per Alberobello e per la valle d’itria, in modo da destagionalizzare il turismo, offrendo Ostuni come fulcro dell’intero territorio, la creazione di collegamenti con gli aereoporti, l’incentivazione dell’apprendimento delle lingue straniere, volano per chi si candida ad accogliere turismo nel proprio territorio, la difesa dei diritti civili.

Se per realizzare il bene di Ostuni dobbiamo sopportare la divisione del centrosinistra, accetteremo questa eventualità senza però risparmiarci un ulteriore appello all’unità per il bene del nostro paese e dell’intera comunità.

Facciamo appello a tutte le forze autenticamente democratiche ad unirsi a noi nel percorso di cambiamento che stiamo intraprendendo.

 

Amministrative 2014: Ostuni Città Nuova – Ostuni Bene Comune – Italia dei Valori – Rifondazione Comunista insieme a sostegno del candidato Francesco Saponaro

Riceviamo e Pubblichiamo

E’ l’ora di scegliere, con lucidità e nettezza, tra due visioni diverse e contrapposte del governo della città. E’ questa la conclusione cui è giunta l’assemblea delle forze politiche e dei movimenti (Ostuni Città Nuova, Ostuni Bene Comune, Italia dei Valori, Rifondazione Comunista), tenutasi la sera del 2 gennaio nella sede di Ostuni Città Nuova alla presenza di numerosi cittadini.

Le forze presenti, costituitesi in coalizione dinamica e aperta ad altri gruppi e movimenti politici, esprimono il loro convinto apprezzamento per l’iniziativa che il professor Saponaro – candidato sindaco proposto con evidente falsità anche dal sindaco uscente, ma sostenuto con coerenza solo dal Partito Democratico – ha assunto in questi ultimi giorni. L’approccio dialogante con la città, aperto alle forze dell’innovazione strategica, chiaro sui metodi di governo democratico e sui fondamenti etici dell’amministrare, ha tolto i veli alle arroganti pretese del sindaco uscente, che tengono in scacco le sue stesse forze, allontanandole dal bene comune della città e schiacciandole sulla mera riproposizione di alleanze di potere, confuse nei programmi e avvezze alla mistificazione del proprio operato.

Chiediamo perciò al professor Saponaro di andare avanti, ignorando ignobili offese personali e provocazioni a mezzo stampa che nulla hanno di civile e di politico. Vada avanti, definendo in dettaglio il suo programma, ascoltando le proposte delle diverse forze disponibili a sostenerlo e avviando la campagna di coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni e delle forze produttive. Allo stesso tempo, chiediamo al Partito Democratico di trarre le decisioni politiche ed amministrative conseguenti ai comportamenti di rottura e di conflittualità, anche istituzionale, del sindaco uscente. Ostuni vive già una fase di notevole disagio economico e sociale e non merita ulteriori giochi di potere sulla pelle dei cittadini.

Al professor Saponaro e al Partito Democratico diamo, senza ambiguità né incertezze, la immediata disponibilità a un confronto politico e programmatico finalizzato alla costruzione di una coalizione di centrosinistra innovativa e solidale.

A tutte le altre forze politiche, sociali e culturali chiediamo di prendere posizione e di partecipare attivamente a questa battaglia di cambiamento: per riaprire il futuro di Ostuni e stimolare un diverso, sostenibile e diffuso sviluppo economico ed umano.

E’ l’ora delle scelte per tutti.

Ostuni Città Nuova – Ostuni Bene Comune – Italia dei Valori –Rifondazione Comunista.

 

Ostuni, Tutuccio Semerano: ‘Solidarietà al Generale Coppola per gli attacchi ricevuti”

Tutuccio Semerano
Tutuccio Semerano

Riceviamo e Pubblichiamo

Tutuccio Semerano, Consigliere Indipendente e Candidato Sindaco per la coalizione per ora composta dalle liste civiche “Forte” e “Libertà”, nelle scorso ore ha diramato un comunicato stampa con cui ha espresso solidarietà umana e politica a Gianfranco Coppola per gli attacchi da lui ricevuti a seguito della “vicenda Bonino”.

Nella nota, Tutuccio, si rivolge al candidato del centro destra riconoscendogli di aver sempre avuto profondo rispetto per le istituzioni, e affermando di credere “senza dubbio alcuno” alla sua versione secondo cui la sua pagina facebook sia stata “sabotata” e “violata”.

“Intendo esprimere solidarietà all’amico Gianfranco Coppola per gli attacchi meschini ricevuti – afferma il candidato Sindaco Semerano – infatti, è davvero impensabile che chi come lui da anni onora le istituzioni civili e militari possa aver vilipeso la figura e l’operato del Ministro Bonino, tra l’altro con una modalità, il link su facebook, lontanissima dalla sua cultura. E’ chiaro che qualcuno voglia screditarlo agli occhi della cittadinanza, con questo gesto di chiaro sciacallaggio politico. Ho voluto scrivere questa nota – conclude Semerano – perché, a differenza di altri, riesco a scindere i rapporti umani-amicali da quelli politico – elettorali”.

Insomma, nonostante alcune voci di corridoio, è evidente che tra i due candidati dell’area moderata (centro destra) non via alcun astio personale.

Pubblicità
Farmacia Matarrese Ostuni