Salta la seduta del consiglio comunale. Qui tutti i dettagli



Alla seconda chiama l’opposizione è presente con un consigliere di maggioranza, la seduta scatta ma l’opposizione subito dopo fa mancare il numero legale.

Salta anche oggi la seduta del consiglio comunale in scena a Palazzo San Francesco ad Ostuni. Alle 9.30 alla seconda chiama per l’avvio dei lavori, sono risultati presenti tredici consiglieri comunali, si tratta dell’intera opposizione più il consigliere di Puglia Popolare Massimo Saponaro.
Il secondo appello è stato svolto come presidente del consiglio da Niny Santoro.

All’avvio dei lavori il consigliere Domenico Tanzarella ha richiesto la verifica del numero legale e quindi l’opposizione ha abbandonato l’aula facendo decadere la seduta. Le dichiarazioni dei consiglieri d’opposizione.

Nelle ore successive al consiglio, è giunta in redazione la nota della maggioranza che vi proponiamo di seguito. “Il consiglio comunale di oggi è andato deserto. Alla seconda chiamata delle ore 9.30 erano presenti tredici dei venticinque consiglieri e, quindi, la seduta è stata dichiarata valida; subito dopo i consiglieri di opposizione presenti hanno abbandonato l’aula e chiesto la verifica del numero legale.

A quel punto, il presidente Santoro applicando rigorosamente il regolamento ha dichiarato deserta la seduta, nonostante nel frattempo fossero entrati In aula i consiglieri di maggioranza che, infatti, erano d’accordo per Iniziare il consiglio alla terza chiamata delle ore 10.00; la seduta si sarebbe regolarmente svolta con la discussione di tutti I punti all’ordine del giorno, a cominciare, dalla mozione di sfiducia al Presidente che sarebbe stata certamente respinta.

Per la seconda volta di seguito la minoranza, ha deciso di sottrarsi al confronto, probabilmente perché consapevole della inconsistenza della mozione di sfiducia.
In ogni caso, è stata già convocata la conferenza del capigruppo per fissare una nuova seduta di consiglio nel prossimi giorni
”.

Copyright © OstuniNotizie.it - RIPRODUZIONE RISERVATA | Ultimo aggiornamento lunedì 4 dicembre 2017 alle 23:17


Potrebbe interessarti anche: