Differenziare i rifiuti oggi sarà più semplice, ad Ostuni arriva l’app Junker



Junker è a disposizione gratuitamente per tutti, e dà anche la possibilità al Comune di comunicare molte altre informazioni: ubicazione dei punti di raccolta, percorsi, calendari del porta a porta, indicazioni per i rifiuti speciali.

Per facilitare la vita ai cittadini il Comune di Ostuni ha adottato e messo a disposizione Junker, un servizio fruibile tramite APP (per smartphone e tablet Android o Apple) che riconosce con un solo clic quello che stiamo gettando e ci dice come fare secondo la normativa del nostro territorio.

L’applicazione è stata presentata a Palazzo S. Francesco alla presenza del sindaco Gianfranco Coppola, dell’assessore all’ambiente Luigi Nacci, del delegato della “Giunko srl” azienda produttrice della App Giuseppe Tanzarella e di Federico Ciraci, dirigente del settore ecologia del comune di Ostuni.  La app funziona scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio, Junker lo riconosce grazie ad un database interno di oltre 1 Milione di prodotti e ne indica la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinati. Basti fare l’esempio dei sacchetti dei biscotti, dei Raee, oppure delle confezioni di caffè, delle bottiglie in pec o materBi e via discorrendo.

Un database in crescita che viene aggiornato quotidianamente anche grazie al contributo dei cittadini: se il prodotto scansionato non viene riconosciuto, l’utente può trasmettere alla app la foto del prodotto e ricevere la risposta in tempo reale, mentre la referenza viene aggiunta a quelle esistenti. Uno strumento innovativo che contribuisce a mettere la nostra città in linea con la filosofia delle smart cities europee. Junker è a disposizione gratuitamente per tutti, e dà anche la possibilità al Comune di comunicare molte altre informazioni: ubicazione dei punti di raccolta, percorsi, calendari del porta a porta, indicazioni per i rifiuti speciali.

Copyright © OstuniNotizie.it - RIPRODUZIONE RISERVATA | Ultimo aggiornamento giovedì 7 dicembre 2017 alle 12:25


Potrebbe interessarti anche: